preview

 

 



La parola agli artisti
Arte e impegno a Milano negli anni Settanta

a cura di Cristina Casero e Elena Di Raddo



postmedia books 2016
98 pp. 118 ill.
formato 150x200 mm
isbn 9788874901739

s 16,00

acquista online
 

Milano è al centro di questa ricerca, epicentro di un discorso pigmentato da idee e ideali che corrispondevano a un'identità collettiva e a una lotta di classe. "Nella città meneghina gli artisti si trovarono ad affrontare problemi di coscienza e di responsabilità, costretti a riconsiderare i propri mezzi espressivi oltre che il proprio ruolo all'interno della società, consci del fatto che il valore sovversivo dell'arte dovesse essere sdoganato sul piano sociale" (Alberto Zanchetta). Nell'affrontare il rapporto arte e impegno non ci si vuole occupare di artisti coinvolti o in qualsiasi modo compromessi nella lotta di classe, né artisti che spinti dall'incalzare degli eventi storici, hanno scelto di abbandonare la pratica artistica per dedicarsi a quella politica, ma di artisti nel cui lavoro si rende empatico il rapporto con il sociale e il politico, sia sotto forma di immagine-comunicazione, sia sotto l'aspetto di opera coinvolgente l'ambito del sociale, nelle piazze, nei luoghi del lavoro, della scuola, della cultura.

Nanni Balestrini, Paolo Baratella, Gabriella Benedini, Valentina Berardinone, Diane Bond, Antonello Branca, Marcella Campagnano, Mercedes Cuman, Collettivo Cinema Militante, Fernando De Filippi, Amalia Del Ponte, Fernanda Fedi, Ansano Giannarelli, Gino Gini, Nicole Gravier, Alberto Grifi, Emilio Isgrò, Laboratorio di Comunicazione Militante, Ugo La Pietra, Enzo Mari, Umberto Mariani, Paola Mattioli, Libera Mazzoleni, Franco Mazzucchelli, Elio Petri, Giovanni Rubino, Sarenco, Gianni Emilio Simonetti, Giangiacomo Spadari, Silvia Truppi




-

Share |


 

 

Compra questo libro insieme a Echaurren

buy buy
21,90


postmedia books

Negli anni a cavallo tra i Sessanta e i Settanta l'ideologia e la politica si respirano nelle strade e nelle piazze, al punto che si comincia a parlare di "politicizzare il quotidiano". Il mondo dell'arte negli anni della contestazione non rimane in silenzio, sente la sua vocazione sociale, anzi percepisce tale vocazione come il motore stesso del fare arte.

MAC - Museo d'Arte Contemporanea di Lissone 24 settembre – 25 novembre 2016

come acquistare in 3 click



Ketty La Rocca