Arte e antropologia
in Italia negli anni Settanta
Sara Fontana


postmedia books 2018
202 pp. 26 ill.
isbn 9788874901975

buy 21,00

  acquista online
 

Questo libro nasce dallo studio di un'area poco conosciuta della ricerca artistica, quella che negli anni Settanta si è sviluppata intorno a temi e pratiche connessi all'antropologia, incontrando la teorizzazione critica, sul piano internazionale, di una tendenza denominata "Arte antropologica". L'indagine mette in luce il contesto italiano e analizza l'opera di alcuni artisti che hanno saputo congiungere l'intuizione e la scienza, anche se distanti quanto a formazione e modalità operative. Artisti che hanno privilegiato il lavoro manuale e la cultura materiale, usando però anche media diversi (performance, film, fotografia, teatro, registrazione sonora, reperti e scrittura) e ricorrendo a logiche concettuali. Attratti dalla ricerca sul campo, hanno adottato una metodologia "scientifica" e al contempo fittizia, propensa ad includere "tracce" della storia oppure del mito. Con una cautela critica fondata sulla letteratura esistente, vengono quindi analizzati i percorsi di Claudio Costa, Antonio Paradiso e Armando Marrocco, che hanno affrontato tematiche ancestrali e hanno fatto dell'antropologia uno strumento funzionale alla ricerca di sé e dell'identità dell'uomo. Viene inoltre considerato il lavoro sull'oggetto e sul territorio di Ugo La Pietra, più orientato verso una prospettiva di "Arte nel sociale". Un capitolo è dedicato anche a Mario Cresci, Michele Zaza, Aldo Tagliaferro e Franco Vimercati, dediti alla fotografia e in diverso grado coinvolti in questioni antropologiche. Infine, un breve cenno a Giuliano Mauri, Livio Marzot e Aurelio Caminati completa un quadro ricco e complesso, in cui la ricerca dei nessi fra arte e antropologia sconfina nei territori inafferrabili della natura, dell'archeologia, del mito e della memoria.







postmedia books Sara Fontana Ŕ storica e critica dell'arte contemporanea, curatrice e pubblicista. Ha svolto lavori di archiviazione (Archivio Fausto Melotti, Archivio Francesco Messina, Archivio Umberto Milani) e ha collaborato inoltre alla catalogazione sistematica del patrimonio artistico di istituti bancari, istituzioni museali e raccolte d'arte private. Dal 2009 Ŕ professore a contratto di Storia dell'Arte Contemporanea presso il Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali dell'UniversitÓ degli Studi di Pavia (Cremona). I suoi contributi riguardano soprattutto l'arte italiana del XX secolo (in particolare la scultura, l'Informale e l'arte degli anni Sessanta e Settanta), con studi monografici e ampie ricognizioni territoriali in area lombarda. Ha curato mostre e rassegne su momenti e aspetti della ricerca artistica contemporanea.

Compra questo libro insieme a Antropologia della comunicazione visuale

f f
29,90