cover 300dpi

Sartoria editoriale

preview

Repubblica

 

 



Tracce di Blu
di Fabiola Naldi



postmedia books 2020
84 pp. 37 ill.
formato 204x127mm 
isbn 9788874902958

 

s

12,00

acquista online

 
  buy from USA _ DE _ FR _ UK _ ESP
   

 

Questo non è un libro su Blu. Fabiola Naldi ha raccolto i suoi testi critici sullo street artist italiano più noto al mondo, sono raccontati eventi espositivi ai quali ha partecipato, sono narrati momenti più o meno rilevanti della sua carriera, ma questo non è un libro su Blu. Dalla prima (e unica) personale presso la Galleria Patricia Armocida nell'estate del 2008 alle collettive in spazi pubblici e privati, fino alla clamorosa cancellazione di Bologna nella primavera del 2016. Dai muri dipinti spontaneamente o in occasione specifiche in molte città d'Italia, ai disegni su carta o su qualsiasi altra superficie disponibile, fino alle acclamate video animazioni.

Sono scritti che hanno vissuto di un momento empatico molto particolare, e hanno condiviso luoghi e contesti di destinazione speciali per la mia carriera e la mia esperienza personale. Ciascun testo che precede l'estratto ripubblicato agisce come un ipertesto, una sorta di scrittura aumentata di ciò che avevo già fatto al tempo
_ Fabiola Naldi

Molti degli operatori culturali attivi in strada a partire dai primi 2000 hanno modificato la percezione, l'occupazione e la condivisione di ciò che fino a quel momento veniva considerato lo spazio pubblico. La fisionomia della città, e alcune sue parti divenute "celebri" proprio per gli interventi di autori come Blu, si è modificata in virtù di quelle improvvise e impreviste presenze, spesso pittoriche, che hanno reso la città stessa per alcuni aspetti anche più "preziosa"
_ Fabiola Naldi

La strada, i muri, la gente non sono mai stati un problema per Blu, che accettò volentieri di parlare con gli studenti del Liceo Artistico di Como, ma le istituzioni, i musei, i critici, i curatori, sono coloro da cui tenersi alla larga e con i quali non interagire. Blu pare in cantastorie postmoderno, simile agli antichi narratori che hanno la possibilità di raccontare storie in bilico tra realtà e finzione.
_ La Repubblica Bologna, 5 dicembre 2020

 


 

 

 

 

 

 

 

 

postmedia books

Fabiola Naldi (PhD) vive a Bologna ed è storica dell'arte, critica e curatrice. Docente presso l'Accademia di Belle Arti - L'Aquila, l'Accademia di Belle Arti - Bologna e l'Università di Bologna. È corrispondente per Flash Art. Tre le numerose pubblicazioni dedicate alle problematiche relative all'arte nello spazio pubblico: Frameless / Senza Cornice. L'opera d'arte tra supporto, contesto e città, Danilo Montanari Editore, Ravenna 2018; Frontier. The Line of Style, Damiani, Bologna 2013; Do The Right Wall / Fai Il Muro Giusto, Edizioni MAMbo, Bologna 2010.

 

10 Valerio Rocco Orlando | Uno alla volta. Comunità e partecipazione | Sartoria editoriale

9 Eugénie Paultre | Forward. 5 conversazioni con Hans-Ulrich Obrist | Sartoria editoriale

8 Marco Petroni | Il progetto del reale | Sartoria editoriale

7 Stefano Castelli | Radicale e radicante | Sartoria editoriale

6 Manuela Piccolo | Indisciplinata+ | Sartoria editoriale

5 Frances Richards | Gordon Matta-Clark e le politiche dello spazio condiviso | Sartoria editoriale

4 Silvia Vacirca | Dressing Checco | Sartoria editoriale

3 Francesca Guerisoli | Le scarpe rosse di Elina Chauvet | Sartoria editoriale

2 Laura Cionci | Stato di grazia | Sartoria editoriale

1 Stefania Gaudiosi | Necessario è solo il superfluo. Intervista a Lea Vergine | Sartoria editoriale