Sartoria editoriale

Articolo Repubblica

 

 



Guida socio-gastronomica d'Italia
di Fabrizio Bellomo



postmedia books 2021
108 pp.
formato 204x127mm 
isbn 9798702826622

 

s

14,00

acquista online (Italia)

  buy from DE _ FR _ UK _ ESP
   
 

 

Il 28 luglio 2018 Fabrizio Bellomo lascia la sua mansarda a Milano dopo che a maggio aveva chiuso uno dei suoi luoghi preferiti, "L'Albero Fiorito" la storica trattoria friulana di via Pellizzone, gestita dalla famiglia Riet. Ormai insofferente a una Milano succube del suo greenwashing, lo storytelling per cui in città tutti blablano di rigenerazione urbana senza pensare che le foreste sono orizzontali, l'artista torna a sud e in viaggio pensa alle vongole fujute, alla trattoria da Giovanni a Roma e a "I Valenza" a Torino, a Maria L'Inzivosa e per far sì che non l'abbiano vinta quei bar sui Navigli dove ti fanno pagare 18 euro una pasta e ceci l'autore decide di dedicare i suoi editoriali a un'Italia che scompare.

 

Un viaggio per l'Italia – fra vecchie trattorie, pellicole cinematografiche d'autore e versi di cantautori, fabbriche siderurgiche abbandonate e architetture fatiscenti, ricette culinarie di matrice popolare e contadina – e ristoranti cinesi o turchi a conduzione famigliare. Trattorie milanesi, romane o di Tirana – come punti di vista privilegiati per osservare le epocali trasformazioni antropologiche, dovute alla messa a regime economico di un'altra abbondante parte delle nostre città. Come dei borghi più piccoli – depredati da un turismo imperante. Un andirivieni su e giù per l'Italia, percorso in treno, a piedi, sui mezzi pubblici o in sella a vecchie motociclette – alla ricerca di un'umanità scappata (e che tenta ancora di scappare) "...come pesci alla rete della Storia", per dirla alla Montale. Una raccolta di editoriali e piccoli racconti pubblicati (o rifiutati) da una serie di testate, fra il 2017 e il 2020.
_ dall'introduzione

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

postmedia books

Fabrizio Bellomo (Bari 1982), lavora modellando materiali d'archivio, con il video e attraverso installazioni pubbliche. I suoi lavori sono stati esposti in mostre personali e collettive (Biennale di Architettura di Venezia 2018, Macro di Roma, Triennale di Milano, KCB di Belgrado), attraverso diversi progetti pubblici commissionati (MuFoCo Milano e ICCD Roma), film festival (38 Torino Film Festival, 34e Cinemed – festival international du cinéma méditerranéen de Montpellier, 55 Festival dei Popoli). Per Postmedia Books ha pubblicato: Le persone sono più vere se rappresentate (2013) e Meridiani paralleli e pixel (2017). Ha scritto per Artribune, Exibart, Il Fotografo, Elle Decor, Zero, l'edizione pugliese di La Repubblica e ha scritto inoltre diversi editorial per Il Magazine del Sole 24 Ore, molti dei quali parte di quest'ultimo volume.

 

13 Daniele Monarca | Teoria e pratica del readymade | Sartoria editoriale

12 Giulio Alvigini | Manuale per giovani artisti (italiani semplici) | Sartoria editoriale

11 Fabiola Naldi | Tracce di BLU | Sartoria editoriale

10 Valerio Rocco Orlando | Uno alla volta. Comunità e partecipazione | Sartoria editoriale

9 Eugénie Paultre | Forward. 5 conversazioni con Hans-Ulrich Obrist | Sartoria editoriale

8 Marco Petroni | Il progetto del reale | Sartoria editoriale

7 Stefano Castelli | Radicale e radicante | Sartoria editoriale

6 Manuela Piccolo | Indisciplinata+ | Sartoria editoriale

5 Frances Richards | Gordon Matta-Clark e le politiche dello spazio condiviso | Sartoria editoriale

4 Silvia Vacirca | Dressing Checco | Sartoria editoriale

3 Francesca Guerisoli | Le scarpe rosse di Elina Chauvet | Sartoria editoriale

2 Laura Cionci | Stato di grazia | Sartoria editoriale

1 Stefania Gaudiosi | Necessario è solo il superfluo. Intervista a Lea Vergine | Sartoria editoriale