cover300dpi

intro Kentridge




William Kentridge

Valeria Burgio


postmedia books 2014
112 pp. 55 ill.
isbn 9788874900978

--

s 19,00

acquista online
 
   

 

Pi¨ che una semplice monografia su William Kentridge, questo saggio analizza le sue opere focalizzandosi sui media e sulle tecnologie utilizzate: il risultato Ŕ una riflessione teorica sui linguaggi dell'arte che riconsidera il legame implicito tra la struttura della tecnologia e le potenzialitÓ di senso in essa radicate. Le tecnologie pre-cinematografiche dello zootropio e del fenachistiscopio, le macchine anamorfiche, le forme di manipolazione della direzione e della velocitÓ della pellicola cinematografica, il teatro delle ombre, la scatola nera e l'inversione della pellicola positivo<>negativo, la videoinstallazione multipla, sono tutti dispositivi che da una parte rimandano al passato della storia del cinema, dall'altra invitano a trovare un senso proprio nella loro struttura materiale. Il recupero di media arcaici funziona da agente di deviazione che esplora le virtualitÓ insite nella tecnologia al momento della sua origine.


monast
monast

postmedia books

Valeria Burgio (Palermo, 1976) Ŕ docente di Teorie e linguaggi delle comunicazioni visive alla Libera UniversitÓ di Bolzano e all'UniversitÓ Iuav di Venezia. Dal 2007, collabora con la Revista de Occidente, rivista culturale storica della Fondazione OrtÚga y Gasset di Madrid, per cui ha scritto diversi saggi monografici su artisti contemporanei ("Nedko Solakov. Iconografia del Miedo", 2012; "Dar sentido al lugar: la function de la escultura seg¨n Richard Serra", 2011; "Los habitantes de la Isla: La cosmologÝa diagrßmatica de Charles Avery", 2009). Ha curato e coordinato il progetto "Migropolis Venice / Atlas of a Global Situation" (Wolfgang Scheppe ed., 2009) edito da Hatje Cantz.

 

Compra questo libro insieme a Bruce Nauman

buy buy
24,90