cover300dpi

introduzione



Il gesto e la traccia
Interazioni a posa lunga

Sergio Giusti

postmedia books 2015
236 pp. 44 ill.
isbn 9788874901395
-

s 22,50

acquista online
 
  spedizione gratuita

Coloro che sono abituati a scartare le foto quando risultano mosse saranno sorpresi da questo libro di Sergio Giusti nel quale il "mosso" viene analizzato come pratica eretica che attraversa come un fantasma la storia della fotografia. Si tratta di quel segno-traccia, conseguenza del lungo tempo di posa, che in parole povere tendiamo a definire "mosso". Troppo povere per˛, anzi sbrigative: le analisi del mosso si limitano spesso a collocarne il senso solo fra l'incidente (l'errore, il caso fortuito) e l'espediente (la coloritura retorica, la simbologia). Oscillare fra queste due posizioni significa mancare tutti quei lavori in cui il segno-traccia Ŕ utilizzato in maniera sperimentale e consapevole per saggiare le potenzialitÓ limite del fotografico, al di lÓ dell'istante. Gli esperimenti a posa lunga forzano il linguaggio della fotografia, alla ricerca di polaritÓ le cui risonanze lo portano a intersecarsi con questioni teoriche che vanno dall'estetica alla psicanalisi, passando per l'antropologia e la teoria dell'arte. Si parte dal problema della resa sensibile di tempo e movimento, nel quale si incontrano Henri Bergson e Gilles Deleuze, Anton Giulio Bragaglia e Francis Bacon, ma anche il tempo delle sopravvivenze di Aby Warburg. Si continua con l'interazione fra spazio, corpo, figura e sfondo dove, dal chiasma fenomenologico di Maurice Merleau-Ponty, si giunge alla confusione fra soggetto e ambiente che ha affascinato gli studi sul mimetismo animale di Roger Caillois e il celebre seminario sullo Sguardo di Jacques Lacan. Si passa poi agli esperimenti in cui i poli della fantasia e dell'immaginario sono preponderanti. In essi, prima di tutto con Sigmund Freud, dal luogo del fantastico si transita verso il rapporto profondo che l'uomo intrattiene con l'immagine. Il punto d'arrivo infine Ŕ nel luogo in cui si fronteggiano la performance e l'informe. Il corpo come campo di battaglia estetica dove alla crudezza della body-art si sostituisce l'azione tra forma e informe del segno-traccia. Il libro Ŕ illustrato con immagini di: Francesca Woodman, Ralph Eugene Meatyard, Duane Michals, Antoine D'Agata, Roni Horn, Alexey Titarenko, Mario Cresci, Otto Steinert, Michael Wesely, Ville Lenkkeri, Matthew Pillsbury, Ira Vinokurova



curatori


 

 

 

 

 




Share |


postmedia books Sergio Giusti (Verona, 1970) Ŕ docente e teorico della fotografia, in particolare della fotografia come forma artistica contemporanea. Nello specifico si Ŕ occupato di approfondire le questioni teoriche legate al cambiamento tecnologico analogico-digitale e alle sue conseguenze. Nel 2005 ha vinto il premio Paolo Costantini per la saggistica in Fotografia con il saggio La caverna chiara. Fotografia e campo immaginario ai tempi della tecnologia digitale (Lupetti/Museo Fotografia Contemporanea). Insegna Linguaggio fotografico al CFP Bauer di Milano e collabora al corso di Storia dell'arte contemporanea e linguaggi della comunicazione visiva presso la FacoltÓ del Design del Politecnico di Milano e al Seminario di fotografia presso il Corso di Laurea in Disegno industriale dell'UniversitÓ di San Marino/IUAV di Venezia.

Compra questo libro insieme a Franco Vaccari

f f
29,90