cover300dpi

introduzione



Brecht, la fotografia, la guerra
Giacomo Daniele Fragapane



postmedia books 2015
112 pp.
formato 165x120mm
isbn 9788874901494

s 12,60

acquista online
 
   


Nel 1955, un anno fatidico per la storia della fotografia, usciva, perlopiù ignorata, la Kriegsfibel di Bertolt Brecht, un libro composto da versi e immagini fotografiche che il drammaturgo aveva raccolto da riviste illustrate durante il suo esilio dalla Germania nazista, conservando talvolta anche le didascalie. Per la sua densità teorica e le sue inquietanti implicazioni contemporanee, esso rappresenta un caso editoriale sempre più frequentato dagli studiosi interessati ai meccanismi della propaganda, agli usi ideologici e alla ricezione delle immagini di guerra. La Kriegsfibel enuncia in modo inequivocabile i propri intenti: "questo libro vuole insegnare l'arte di leggere le immagini". Ma sotto molti aspetti tratta la fotografia come un oggetto puramente strumentale, rispondendole con una critica radicale del nesso tra capitalismo, riproducibilità tecnica e società di massa. Questo saggio ne esamina strategie e luoghi sintomatici, verificandone la portata teorica in rapporto a una serie di casi – precedenti, coevi e successivi – cruciali per la storia e la teoria fotografica

ø

Con più specifica attenzione alla fotografia, in un volumetto che sviluppa e amplia le considerazioni presentate nel convegno del 2013 (Brecht, la fotografia, la guerra), Giacomo Daniele Fragapane evidenzia le contraddizioni intrinseche al progetto brechtiano, prima fra tutte quella tra la proposta di un'"arte di leggere le immagini" e una concezione in fin dei conti anacronistica della fotografia, informata dal "paradigma ottocentesco dell'immagine meccanica come 'specchio dotato di memoria'", proprio mentre giungeva all'apogeo la concezione autoriale e costruttiva condensata nella metonimia dell'"occhio del fotografo"...
_ Marco Maggi, L'indice, gennaio 2016



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Share |



 

 

 

postmedia books Giacomo Daniele Fragapane è Dottore di ricerca in Storia, teoria e tecnica del teatro e dello spettacolo. Insegna storia e teoria della fotografia e dei media presso lo IED di Roma. È membro del Comitato direttivo della Società italiana per lo studio della fotografia (SISF). Tra le sue pubblicazioni: Realtà della fotografia. Il visibile fotografico e i suoi processi storici (Franco Angeli 2012); Paolo Gioli - Naturæ (Quinlan 2011); Intersezioni. Teatro/fotografia/cinema/ nuovi media (Bulzoni 2008)).