introduzione


cover300dpi

Pensieri sul Design

Paul Rand




postmedia books 2016
96 pp. 80 ill.
formato 162x197mm
isbn 978
8874901654

s 16,00

acquista online
 




"Il graphic design... non è un buon design
se poi risulta inutile".
- Paul Rand


Al culmine della sua carriera, Paul Rand articola in questo prezioso volume la sua visione pionieristica e la metodologia di lavoro secondo la quale tutto il design – che si tratti di pubblicità, stampa o design industriale – dovrebbe integrare 'il bello e l'utile'. Un buon design, diceva Paul Rand, è l'espressione sintetica e semplificata di un concetto attraverso la forma visiva e, al suo meglio, riesce ad elevare il luogo comune. Questa edizione è un facsimile dell'edizione originale del 1947 con la grafica, i font e le immagini scelte dallo stesso Paul Rand e con poche migliorie apportate dall'autore a testi e immagini per la ristampa del 1970. Unica concessione alla modernità è la pagina del copyright, l'indice e una prefazione del critico Michael Bierut.

Nel 1947, quando Paul Rand iniziò a scrivere il saggio che sarebbe diventato Pensieri sul Design, aveva poco più di trent'anni. Il grafico, nato a Brooklyn e di fatto autodidatta, era già una rivelazione. Soltanto sei anni prima era diventato direttore artistico capo presso l'agenzia Willian H. Wintraub & Co., e già gli era stato attribuito il merito di aver rivoluzionato quel mondo abbottonato e pieno di luoghi comuni di Madison Avenue, grazie all'introduzione dell'elettrizzante trasparenza del modernismo europeo. La sua firma appariva sulle copertine di libri, sui poster e sulle pubblicità. Paul Rand ha ammesso che per tutta la vita si è sempre sentito insicuro nelle vesti di scrittore. È solo grazie alla sua passione nei confronti di questa materia che è riuscito ad esserlo in modo così efficace. Con il suo lavoro a Madison Avenue aveva imparato la virtù di dire molto con poco, e infatti Pensieri sul Design è talmente semplice che sembra un favola per bambini: breve, frasi semplici con illustrazioni chiare e divertenti. Apparentemente non è altro che un manuale, illustrato con immagini tratte dal suo portfolio. In realtà Pensieri sul Design è un manifesto, una chiamata alle armi, una descrizione illuminante di cosa sia il buon design. Questo concetto, forse, non è mai stato espresso meglio che nel verso più citato di questo saggio, quello iniziale di "Il bello e l'utile". Il graphic design, scrive, indipendentemente dagli obiettivi che raggiunge, "non è buon design se poi risulta inutile". László Moholy-Nagy ha affermato che Paul Rand "è un idealista e un realista che usa il linguaggio di un poeta e di un uomo d'affari". In nessun altro saggio è mai stato mostrato meglio l'equilibro tra passione e praticità. È una fortuna che i grafici di ieri e di domani possano contare su questa nuova edizione.
[dall'introduzione di Michael Bierut]


curatoricuratori





Share |

 



Compra questo libro insieme a Dialoghi

buy buy
19,00


postmedia books Paul Rand (New York, 16 agosto 1914 – Norwalk, 26 novembre 1996) è considerato uno dei più influenti grafici del Novecento: i suoi ammiratori lo definivano il "Picasso della grafica" e non a caso dato che, a parte gli studi accademici (Pratt Institute, Parsons School e Art Students League dove studia con George Grosz), Rand studia a fondo le avanguardie storiche europee. La sua leggendaria carriera è una vera tabella di marcia per i professionisti della grafica contemporanea e abbraccia anni di formazione del graphic design, ruoli diversi, le copertine di Esquire e Direction, copertine di libri, la progettazione di alcuni tra i più duraturi loghi aziendali del ventesimo secolo, compresi quelli per IBM e ABC. Oltre ai riconoscimenti del settore (AIGA, New York Art Directors Club, Type Directors Club...) nel 1954 il M.o.M.A. lo nomina tra i dieci migliori direttori artistici della storia.

come acquistare in 3 click