preview

Nuove geografie

Formato eBook

Fallimento

Going Public

 



Artisti di carta
Territori di confine tra arte e letteratura

Roberto Pinto




postmedia books 2016
216 pp.
formato 145x208mm
isbn 9788874901722

19,00

  acquista online
 

Formato ePub
postmedia books 2017
325,7 KB
6,99


L'ultimo libro di Roberto Pinto offre al lettore un inedito punto di vista sui rapporti tra l'arte visiva e la letteratura. Uno sguardo particolare perché qui viene fatta luce su quelli che l'autore definisce come "artisti di carta": ossia sugli artisti e sulle opere d'arte inventati dagli scrittori contemporanei.
__Lucilla Meloni, Unclosed.eu, aprile 2017

Recentemente sono usciti numerosi romanzi in cui l'arte, in particolare quella contemporanea, riveste un ruolo importante e molti scrittori considerano i fenomeni artistici un espressione culturale particolarmente adatta a mostrare la complessità e la problematicità della società attuale. La coincidenza tra opera e il proprio vissuto, il problema dell'autorialità e dell'identità, l'attenzione ai conflitti e alle dinamiche culturali e politiche, sollevati da opere d'arte e dalla loro esposizione — accanto alla dipendenza dalle dinamiche del mercato così come dai fenomeni dell'ipertrofia e del gigantismo che troviamo diffuse nell'arte degli ultimi anni — incarnano, agli occhi degli scrittori, delle perfette metafore del nostro mondo.
Nei romanzi sono stati descritti opere e artisti; e il mondo dell'arte è stato scelto come un luogo particolarmente interessante in cui ambientare le proprie storie. Inoltre gli scrittori, aspetto nient'affatto trascurabile, hanno contribuito a inventare arte e immagini. L'arte è fatta di minuzie, di nessi tra le cose, di giochi metalinguistici, di allusioni e di emozioni, di ricordi e di impressioni. È la sua storia e il racconto che ne facciamo professionalmente, ma l'arte è anche fatta dalle persone che la pensano, la costruiscono, ne parlano e vivono per essa. [...] Un altro dei principali obiettivi del mio lavoro è stato affrontare quel fertile campo di sperimentazione rappresentato dagli scambi e dalle aree comuni che si creano tra le due discipline, quelle interferenze e ibridazioni che hanno permesso dei passaggi di ruolo tra artista e scrittore, come avviene nel Museo dell'Innocenza di Orhan Pamuk (2008) o, in modo meno evidente ma non meno significativo, in alcune collaborazioni, come quelle tra Sophie Calle e Paul Auster o sempre tra l'artista francese ed Enrique Vila-Matas
__Roberto Pinto


Quelli al confine tra arte e letteratura sono territori da sempre esplorati dalla critica: d'altronde, lo spazio di indagine è indubbiamente ampio e fertile di spunti. Eppure spesso si cerca di tenere le distanze dall'evidenza di questo connubio, come se qualsiasi ammissione di interferenza possa in qualche modo svalutare la purezza di una o dell'altra disciplina; e, spesso, sono proprio i critici d'arte a cadere in questo errore. Nel suo libro Artisti di carta edito Postmedia Books, Roberto Pinto, critico d'arte e docente di Storia dell'arte contemporanea presso l'Università di Bologna, cerca di abbattere ogni sorta di timore, mostrandoci le prove evidenti della vitalità di questi interscambi; e lo fa approcciando la questione da un punto di vista, se non inedito, certamente caratteristico e inusuale.
__Stefano D’Alessandro, Il giornale dell'arte, marzo 2017

Una ricerca del genere naturalmente soddisfa una serie di obiettivi: da essa si può infatti desumere "come viene percepita l'arte contemporanea dal mondo della cultura", e questo stesso osservatorio particolare permette di "restituire aspetti dell'arte contemporanea che gli apporti storici non sono in grado di far emergere completamente o che, per loro natura, non rappresentano obiettivi di studio prioritari".
__Marco Enrico Giacomelli, Artribune, ottobre 2017

Fra gli autori e gli artisti che in questa prospettiva vengono approfonditi, un capitolo è dedicato a Don DeLillo, certo uno dei più prolifici in tal senso; un altro capitolo a Sophie Calle; appaiono infine Siri Hustvedt e naturalmente Orhan Pamuk. Il caso di Sophie Calle risulta particolarmente interessante, intanto per l'abitudine dell'artista francese di affiancare dei testi alle sue creazioni, insomma le narrazioni alle immagini, e poi – nell'altra direzione – per le interazioni ch'ella ha avuto, per esempio, con Paul Auster ed Enrique Vila-Matas (peraltro, un bellissimo disegno dello scrittore spagnolo è riprodotto nella copertina di questo volume).
__Luigi Vergallo, Gli Stati Generali, ottobre 2017

Artisti di carta è un approfondito studio sulla percezione e sull'universalità dell'arte anche attraverso la mediazione del testo. Il romanzo può essere considerato una variazione artistica? Le opere di carta possono essere esaminate come fossero reali? La serietà e la precisione dimostrate dall'autore nell'analisi dei suoi oggetti di studio portano il lettore a pensare che queste siano le domande centrali del libro. Nel rispondervi, Pinto non nasconde la sua profonda passione, gioia e curiosità per l'arte, né formula giudizi di valore: le opere di carta sono belle, brutte, efficaci, disturbanti come quelle vere esposte nei musei, nelle gallerie e nelle biennali in giro per il mondo.
__Cecilia Guida, Alfabeta2, giugno 2017







Share |


postmedia books

_ L'artista come personaggio
_ Troppo bello per essere vero. I falsi quadri, i falsi artisti
_ L'arte tra provocazione e ipertrofismo
_ Nella testa e nel corpo dell'artista. I romanzi di De Lillo
_ Dall'arte alla letteratura. Andata e ritorno. Sophie Calle e i suoi amici scrittori
_ Quello che ho amato. La lettura critica di Siri Hustvedt
_ Orhan Pamuk: lo scrittore è un pittore. Il museo dell'innocenza

Roberto Pinto (Roma 1963) è teorico dell'arte e curatore, i cui temi di ricerca sono l'arte pubblica, il dialogo interculturale e tra le arti, la storia delle mostre. Dalla fine del 1988 al 1995 lavora presso Flash Art, prima come redattore e in seguito, come caporedattore. Tra le mostre curate ricordiamo: Subway, 1998 Milano; Arte all'arte 2000; Transform (con De Cecco), 2001, Trieste; Short Stories, 2001, Milano; Americas Remixed, 2002 Milano; Dimensione Follia, 2004 Galleria Civica di Trento; Spazi Atti (con Martin), 2004 PAC, Milano; Confini (curata con Cincinelli e Collu) Museo Provinciale Nuoro 2006. Ha curato le otto edizioni del ciclo di incontri sull'arte contemporanea La generazione delle immagini. È stato curatore alla V Biennale di Gwangju, Corea (2004) e alla Terza Biennale di Tirana (2005). È stato curatore presso la Fondazione Ratti di Como. È curatore del progetto di arte pubblica ArtLine per il Comune di Milano. Tra i saggi pubblicati ricordiamo: Lucy Orta, Phaidon, London 2003, Nuove Geografie Artistiche. Le mostre al tempo della globalizzazione, Postmedia Books, Milano 2012, Artisti di carta. Territori di confine tra arte e letteratura, Postmedia Books, Milano 2016. Ha insegnato presso l'Università di Trento e l'Università Bocconi di Milano; dal 2012 è docente di Storia dell'arte contemporanea presso il Dipartimento delle Arti dell'Università di Bologna.


Compra questo libro insieme a Immagini di piombo

buy buy
22,90