citazioni

 

 

 

 

 

 

 

 

massimo vignelli

otis college

Scritti su Starck

a cura di Valérie Guillaume




postmedia books 2004
96 pp.
-- 12 illustrazioni
isbn 9788874900121



map

12,60
  acquista online
 






La storia di Philippe Starck è quella di un geniale autodidatta (basti pensare che già da studente crea una società di strutture gonfiabili finanziata dall'attore Lino Ventura) che ha creato le basi del design francese e oggi è considerato il designer più popolare al mondo. Starck è noto e stimato per le sue qualità di designer, colto autodidatta, creatore estroso e libero da conformismi sebbene accompagnato da grande professionalità. Dopo avere collaborato nel 1982 alla realizzazione dell'arredamento degli appartamenti privati del Presidente Mitterrand al Palazzo dell'Eliseo il suo lavoro di architetto si espande al puto tale da avvalersi dell'Honor Award dell'American Institute of Architetcts nel 1992, per il Paramount Hotel di New York.
"Scritti su Starck" viene prodotto dal Centre Pompidou proprio nel momento della grande consacrazione arrivata con la retrospettiva del 2003 curata da Marie-Laure Jousset. Grazie al contributo di otto teorici (Michel Onfray, Benoît Heilbrunn, Valérie Guillaume, Sophie Trelcat, Christine Colin, Vanni Pasca, Stéphane Laurent, Christopher Mount) il libro analizza gli aspetti della creazione starckiana dal punto di vista semiotico, filosofico, architettonico e del design. Si tratta di un'indagine inedita che scava a fondo le ragioni teoriche della grandezza (e del successo) del lavoro di Starck, una necessità di riflessione che sembra richiesta dallo stesso designer quando afferma... "Oggi l'urgenza è di tipo politico, occorre lavorare sulla ridefinizione della produzione, sulla ridefinizione del rapporto uomo e materia perché l'uomo possa ritrovare il proprio spazio senza essere attanagliato, asfissiato, ricoperto da un mucchio di cose futili, generalmente portatrici di simbolismi estremamente dubbi... L'intelligenza è femminile, l'intelligenza moderna è femminile, e la macchina non è moderna, non sarà mai femminile. vedete quindi che è possibile lavorare continuamente sulle domande: Questo oggetto deve essere maschile o femminile? questo oggetto merita d'esistere o esiste soltanto per dimostrare al proprio vicino che si è pieni di soldi? o per mostrare che si è più potenti' Dietro e davanti gli oggetti acquistati ci sono molte brutte cose. Le case generalmente vengono costruite per dimostrare che nella vita si è raggiunto il successo, piuttosto che per vivere felici al loro interno. Ci sono miriadi di cose come queste da decifrare. E questo è un po' il mio lavoro".


curatoricuratoricuratori




Share |


postmedia books