cover 300dpi

Dopo l'arte

Design & Crime

 



Bad New Days
Arte, critica, emergenza
di Hal Foster

postmedia books 2019
180 pp. 42 ill.
isbn 9788874902453

 

 

 

 

 

Uno dei principali teorici al mondo analizza un quarto di secolo di pratica artistica. Bad New Days percorre gli ultimi venticinque anni di evoluzione dell'arte e della critica d'arte in Europa e Nord America esplorandone la loro relazione dinamica con le condizioni generali di emergenza inculcate dal neoliberismo e dalla guerra al terrorismo. Prendendo in analisi il lavoro di artisti quali Thomas Hirschhorn, Tacita Dean, Mike Kelley, Sam Durant, Isa Genzken, Robert Gober... e gli scritti di Jacques Rancière, Bruno Latour e Giorgio Agamben, Hal Foster mostra i modi attraverso i quali l'arte ha anticipato questa condizione, resistendo a volte sia alle speculazioni sul collasso del contratto sociale sia ai buoni propositi di chi intendeva ripararlo; altre volte facendone una parodia. Contrario all'affermazione secondo la quale fare arte è diventata un attività talemente eterogenea da sfidare l'analisi storica, Hal Foster sostiene che il critico non ha ancora articolato un resoconto chiaro della complessità contemporanea. A tal fine, offre diversi modelli di arte degli ultimi anni, un tentativo di catalogazione che definisce nei termini di "abietto", "archivistico", "mimetico" e "precario".

 

Parte della vicenda raccontata in questo breve libro si focalizza attorno a un recente superamento degli assunti principali dell'arte postmodernista, in particolare la sua predilezione per l'immaginifico e per il testuale, a favore di una messa alla prova del reale e della storia. Questo passaggio è stato motivato da ragioni intrinseche all'arte, certo, ma al tempo stesso rende conto di questioni ad essa estranee, e spesso radicali. Il che spiega la scelta del termine "emergenza" nel sottotitolo del volume. Mi preoccupo dei termini perché quelli usati in questa sede – abietto, archivistico, mimetico, precario e post-critico – non si qualificano di per sé come paradigmi. Alcuni di essi ricordano più che altro delle strategie, mentre altri descrivono particolari situazioni.
[ dalla prefazione di Hal Foster]

Hal Foster è uno dei rari critici d'arte la cui prosa misurata coinvolge un pubblico più ampio del solito, facendo a meno di contribuire all'inflazione di quel vago filosofeggiare che affligge gran parte dei pettegolezzi più elevati tra i critici d'arte.
[ Brian Dillon, The Guardian ]

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

postmedia books

Hal Foster (Seattle 1955 _ vive a New York) insegna arte alla Princeton University dove dirige il dipartimento di Arte e Archeologia. E' stato uno dei fondatori della casa editrice Bay Press a Seattle. Collabora con le riviste October, New Left Review e London Review of Books. Ha scritto libri fondamentali per la teoria dell'arte contemporanea: Design & Crime, Prosthetic Gods e Arte dal 900 una particolare storia dell'arte del Novecento scritta in collaborazione con Rosalind Krauss, Yve-Alain Bois e Benjamin Buchloh. Postmedia pubblica nel 2006 un altro libro fondamentale per la teoria degli anni Ottanta, Il ritorno del reale, e nel 2014 arriva la traduzione italiana de L'Antiestetica, una raccolta di saggi a cura di Hal Foster che raccoglie gli scritti di Jurgen Habermas, Kenneth Frampton, Rosalind Krauss, Craig Owens, Fredric Jameson...

come acquistare in 3 click

 

Prevendita: compra questo libro insieme a Design & crime

f f
21,00




Ketty La Rocca